Il Blog di Roberto LaSpinas
Due seni contro una faccia da c…!

Tempo di campagna elettorale. Girando per le nostre città ormai ci sentiamo osservati da centinaia di volti che ci promettono cambiamenti, novità, rivoluzioni.

Le campagne politiche (sempre di pubblicità si tratta) sono molto simili tra loro, ed alla fine non facciamo altro che guardare passivamente i volti di papabili candidati, magari soffermandoci sui loro aspetti buffi o sulle promesse alle quali ci riesce davvero difficile credere.

Nella foto seguente un certo Marco Osnato, candidato consigliere al comune di Milano. Oggi leggevo a pagina 22 di City che è indagato per un giro di tangenti e turbativa d’asta.

Solita campagna elettorale, solito sorriso, solita falsità.

Quello che oggi voglio mostrarvi e sul quale vorrei farvi riflettere è invece un caso di campagna elettorale recentissima avvenuto in Spagna nella città di Ciutadella, sull’isola di Minorca.

http://en.wikipedia.org/wiki/Ciutadella_de_Menorca

In questa cittadina Soledad Sanchez, candidata sindaco, ha deciso di andare al di là della solita campagna elettorale, rivoluzionando il concetto di campagna politica in un modo un pò provocatorio.

Ha deciso infatti di basare la propria candidatura su solidi temi, anzi:  “due grandi argomenti”, per ottenere il consenso dei suoi concittadini.

La campagna, per la gioia dei perbenisti, è stata censurata e sostituita dall’immagine della piazza della città ma ha scatenato l’effetto desiderato.

Soledad Sanchez voleva che si parlasse di sé, e con un gesto provocatorio ci è riuscita.

Forse non vincerà (staremo a vedere a maggio cosa succederà; vi terrò aggiornati), ma di sicuro si è guadagnata la stima ed i voti di coloro che vivono la vita per quella che è, senza inutili moralismi e ipocrisie.

«Yo hago lo que quiero con mis pechos y no los tengo que esconder»,  (Io faccio quello che voglio con i miei seni e non li devo nascondere) ha affermato in un intervista.

Brava Soledad, in un mondo dove tutti vivono di apparenze, ti sei mostrata per quello che sei. La libertà di espressione è una delle poche libertà che ci rimane, e se poi a qualcuno non sta bene, beh chi se ne importa!!

Roberto LaSpinas

Attenti a Joe La Pompe, “Mission Sgamatore!”

Ciao a tutti,

oggi ero in vena di scrivervi, avevo già in mente tutto, titolo, foto, riflessioni etc.., quando mi sono imbattuto in un sito di un signore francese che si chiama Joe La Pompe, restandone folgorato. http://www.joelapompe.net/

Sono diventato immediatamente fan su Facebook e ho deciso di seguirlo su Twitter. Ma cosa farà mai quest’uomo per essersi meritato non solo tale dedizione, quanto aver completamente cambiato le mie intenzioni sull’articolo?

Per carità, con questo non voglio elevarmi a blogger professionista o opinion leader, solo stavo per scrivere una cosa, ed ora ho lasciato tutto per scrivere questo che state leggendo ora.

Beh, questo signore, sul suo sito raccoglie diversi ( ben 96 pagine) di pubblicità. La caratteristica folgorante?

Mette a confronto due pubblicità alla volta, molto simili. Una è l’originale, l’altra una copia spudorata!

Ed il bello è che è tutto documentabile, anno, agenzia, brand coinvolti etc..

Cosa cambia?

L’anno di creazione, i mercati di riferimento finali (che difficilmente possono confrontarsi), i prodotti oggetto della campagna pubblicitaria.

Eccovi un esempio di Guerilla Marketing:

I video sono molto esplicativi, GODETEVELI!

OREO

http://www.youtube.com/watch?v=zxeOCrRBELw&feature=related

MC DONALDS

http://www.youtube.com/watch?v=fFGHraVHRbs

La prima è infatti stata realizzata a New York nel 2008, la seconda a Shanghai nel 2011.

Ora mi sento appagato, questo signore merita un elogio, perchè, in un mondo dove tutto è copiato, sta cercando di diffondere un messaggio molto importante per l’uomo:

TORNIAMO A PENSARE CON LA NOSTRA TESTA! USIAMO IL CERVELLO, NELLA PUBBLICITA’ COME NELLA VITA DI TUTTI I GIORNI!

Nel corso dei secoli siamo stati capaci di cose assurde, impensabili, di una bellezza disarmante. Capolavori della storia come il colosseo, la statua della libertà, la cappella sistina, la muraglia cinese, per finire alla grandezza infinita di un idea come Internet.

Roberto LaSpinas

Domande in cerca di risposta.

maxsardella:

- Per cosa ti batti?

- Cosa ti caratterizza?

- Cosa ti rende unico agli occhi degli altri?

- Che cosa hai da offrire?

da Personal Branding di Luigi Centenaro e Tommaso Sorchiotti.

Perchè ti sei tagliato i capelli???????????? :-D
Anonimo

Ora il mio mood è da capelli corti.. domani, chissà!

Ciao!

E tu? Segui le regole?

Sin da quando nasciamo siamo sottoposti alle cosiddette “REGOLE”.

Il dizionario cita:  Regola- “l’ordine costante che si riscontra nello svolgimento dei fatti; la norma ricavata dall’esperienza o fissata per convenzione che serve di fondamento e di guida nello studio, nella condotta di vita, nell’esercizio di un’attività”

http://www.dizionario-italiano.it/

Siamo abituati ad agire secondo regole:

  •  A tavola si inizia dal primo, secondo, frutta;  etc..
  •  Misuriamo l’altezza in metri secondo una regola definita dal sistema      metrico internazionale,
  •  Leggiamo sempre seguendo la regola della lettura da sinistra verso destra.

Potrei continuare ancora per molto ma penso che il concetto sia chiaro.

Ora immaginate la vostra classica giornata: uscite di casa per andare al lavoro o all’università, prendete il solito tram, la solita metro,  leggete la solita free press.

Alla fine della pagina della cronaca, girate e vi imbattete in questa pubblicità.

 

Che succede?? Che roba è questa?

Semplice! La regola è stata sovvertita.

Il risultato? Ora girerete la testa per leggere, mentre col giornale girerete la pagina, per ristabilire la famosa regola di lettura.

Dal punto di vista del marketing questo che impatto avrà?

Di sicuro questa pubblicità vi ha incuriosito, e la vostra attenzione a questo punto sarà al massimo per capire cosa ci sarà mai scritto.

TARGET RAGGIUNTO!

Chiedete a qualcuno di sfogliare un giornale, molte delle pubblicità presenti non le noterà nemmeno.

Il messaggio finale è: Per raggiungere i nostri obiettivi, a volte dobbiamo rompere le regole e pensare alle cose da un’altra prospettiva.

Pensate al contrario,  le regole a volte ci limitano.

Vi lascio con una citazione presa da una canzone di Caparezza ( Il secondo secondo me – Verità supposte):

“..Dicono che gli arabi scrivono al contrario, Mohammed ha detto che io scrivo al contrario, dunque ogni cosa giusta rivela il suo contrario..”

Roberto LaSpinas

¡Bievenidos!

Ciao a tutti voi!

Oggi, in una domenica dal clima estivo nasce il blog di Roberto LaSpinas.

Che cosa ci troverete?

Io vi parlerò di quelle che sono le mie passioni: la Spagna, Il marketing, la comunicazione e il calcio.

Chi non conosce la mia storia infatti ora si domanderà se c’è un nesso tra la Spagna e LaSpinas. Beh, avete ragione, un nesso c’è.

Ho vissuto in Spagna, a Las Palmas de Gran Canaria, e quella è stata un’esperienza che mi ha cambiato la vita per davvero. Poiché mi chiamo Roberto Spina, Las Palmas e Spina si sono fusi in LaSpinas. Un modo per continuare a portare dentro di me la cultura, il modo di essere, le persone di quella terra.

Con questo Blog, in sostanza, voglio condividere con voi esempi di vita, di marketing, di sport, di tradizioni del paese de “Los Toros y de las Tapas” (per chi non lo sapesse, le Tapas sono piccole porzioni di tantissime varietà di cibi, molto diffuse in Spagna, un modo per mangiare di tutto un pò).

Il motivo? Credo che la condivisione di cultura sia una delle cose pù belle della vita.

Vi saluto, augurandomi che vogliate seguirmi in questo viaggio nella cultura del paese campione del mondo!

Roberto LaSpinas